Doctoral thesis

L’occhio della cupola : forme, funzioni e semantiche della lanterna : con una raccolta delle opere costruite nell’Italia centro-settentrionale tra il 1150 e il 1525

  • 2022

PhD: Università della Svizzera italiana, 2022

English Italian Although a light beam coming from the oculus situated in the top of a dome has different perceptions in in pouring out in the inner space, its appearance depends on the presence of a lantern covering the opening. Indeed, the lantern filters the light coming from the outside and allows the measurement of the time and the days passing by, defining the visibility conditions of the hosting space. Furthermore, covering the summit of the dome and protecting the inner space from the rain, the lantern defines the architectural geometry of the dome itself and its structure. Driven by the key question regarding the reason behind the opening of a dome toward the sky, this project proposes a specific study on the lantern as an architectural type, reflecting on constructive and formal aspects, as well as those characteristics related to semantics and aesthetics. It aims to focus especially on the sacred architecture built in the Northern and Central Italy, during the interposed period between the end of the 12th century and the end of the 15th century. Particularly, this study does not want to suggest a chronological evolution of this typological element. Indeed, it rather means to begin from the architecture built by the masters belonging to the 15th century, as Brunelleschi and Giuliano da Sangallo in Tuscany and Bramante in Lombardy. Afterwards, throughout a "retrospective" gaze of the analysed object, the intention is to research backwards into the previous centuries, in order to recall the models that the architects from the early Renaissance refined, consolidated and propagated, especially those belonging to the medieval age, as the Baptistery of Florence, and those coming from the ancient period. The intention is to clarify the breaking and common points between the medieval architectural language and the renaissance one. Il fascio luminoso che si riversa all’interno dello spazio entrando dall’occhio della cupola aperto verso il cielo è filtrato dalla lanterna. Permette così di scandire le ore e misurare il passare del giorno e rende possibile la percezione dell’architettura mediante la variazione della luce nell’incontro con la materia, definendo le condizioni di visibilità dell’ambiente in cui si riversa. Inoltre, coprendo la sommità della dell’edificio e proteggendolo dalla pioggia che entrerebbe se esso fosse aperto verso l’alto, la lanterna determina la geometria e la struttura della cupola su cui è innestata. Partendo dalla domanda sul perché si voglia aprire una cupola verso il cielo, il seguente lavoro propone uno studio specifico sulla lanterna quale oggetto architettonico, concentrandosi specialmente sull’architettura sacra dell’Italia centro - settentrionale, nel periodo interposto tra la fine del XII secolo e la fine del XV secolo. Lo studio non vuole suggerire un’evoluzione cronologica di questo elemento tipologico. Intende piuttosto partire da alcune opere costruite per mano dei maestri Quattrocenteschi, tra i quali Brunelleschi e Giuliano da Sangallo in Toscana e Bramante in Lombardia, per poi, mediante uno sguardo retrospettivo dell’oggetto in analisi, andare a ritroso nei secoli precedenti e rintracciare i modelli - quelli antichi in partenza, ma soprattutto quelli appartenenti all’epoca medievale, come il Battistero di Firenze - che gli architetti del primo Rinascimento hanno preso a riferimento, raffinato e consolidato. Attraverso un’analisi critica si vuole riflettere per ogni caso sugli aspetti costruttivi e formali, così come su quelli di ragione semantica ed estetica. Seguendo questa traccia, la ricerca intende chiarire quali sono i punti di continuità e di rottura, per verificare se esistono e quali sono gli elementi di connessione, tra l’apparato costruttivo medievale e quello rinascimentale.
Language
  • Italian
Classification
Architecture
License
License undefined
Open access status
green
Persistent URL
https://susi.usi.ch/usi/documents/320190
Statistics

Document views: 12 File downloads:
  • 2022ARC002.pdf: 3